Stampa la pagina | Chiudi la finestra
Base logistica dell'esercito

L’idoneità al servizio militare si attesta al 65 per cento

16.02.2012
Nel 2011, presso i centri di reclutamento sono stati valutati 44 262 giovani svizzeri (uomini e donne), 26 700 dei quali sono risultati idonei al servizio militare e 6373 al servizio di protezione civile. Con il 65 per cento per il servizio militare e il 15,5 per cento per il servizio di protezione civile, la quota di idoneità rimane costante rispetto agli scorsi anni.

Nel 2011, nei sei centri di reclutamento sono state reclutate complessivamente più persone soggette all'obbligo di leva rispetto all'anno precedente poiché nei Cantoni VD e ZH si è registrato un leggero aumento nelle classi d'età interessate. Delle 44 262 persone soggette all'obbligo di leva, 3234 sono state rimandate alla sessione di reclutamento successiva, mentre 41 028 sono state valutate definitivamente; di queste 26 700 (65,08 %) sono state reputate idonee al servizio militare e 6373 (15,53 %) al servizio di protezione civile. Le restanti 7955 (19,39 %) persone soggette all'obbligo di leva non sono risultate idonee né al servizio militare né al servizio di protezione civile. Nel 2010 sono state reclutate 41 959 persone delle quali 40 535 sono state valutate definitivamente. Il 66,13 per cento è risultato idoneo al servizio militare, mentre il 15,90 per cento al servizio di protezione civile. Il confronto sull'arco di cinque anni rimane piuttosto costante con fluttuazioni attorno all'uno per cento.

Il confronto fra i Cantoni mostra quanto segue: la quota di idoneità maggiore è registrata nei Cantoni NW, LU, OW, AR e GL con valori che oscillano fra il 79 e il 74,8 per cento. Ad eccezione del Canton LU, nella maggior parte dei casi i gruppi sono particolarmente piccoli e comprendono per ogni Cantone fra le 200 e le 400 persone soggette all'obbligo di leva e valutate definitivamente. Le quote più esigue si registrano nel Canton Zurigo (53,8 %), sebbene disponga del collettivo più grande pari a oltre 7000 persone valutate definitivamente, e nel Canton Giura (55,7%).

Il numero di donne è rimasto invariato. Nel 2011 hanno partecipato volontariamente al reclutamento 142 donne, delle quali 118 (83,1 %) sono risultate abili al servizio e 9 (6,35%) inabili. 15 donne si sono ritirate e 32 (27,11 %) hanno scelto di prestare il loro servizio in veste di militari in ferma continuata.

L'anno scorso è stato possibile reclutare complessivamente 4358 militari in ferma continua (2010: 3805 / 2009: 2168 / 2008: 2382 / 2007: 3357). Se si tiene conto di una quota di abbandono pari a quella degli scorsi anni per quanto riguarda i MFC reclutati in una prima fase (persone soggette all'obbligo di prestare servizio militare che cambiano idea), per il 2011 risulta una percentuale pari al 13,2 per cento di MFC reclutati e rimasti. Il numero di militari in ferma continua è aumentato in seguito a un incremento della pubblicità in favore di questa funzione.

I motivi dell'inabilità al servizio militare sono ripartiti analogamente all'anno scorso: 41 per cento (2010: 39 %) per motivi puramente psichici, 41 per cento (2010: 43 %) per motivi puramente fisici e 18 per cento (2010: 18 %) per motivi psichici e fisici. I problemi all'apparato motorio sono la causa principale dell'inabilità per motivi puramente fisici. Negli ultimi anni i motivi per l'inabilità al servizio sono rimasti costanti.

Indirizzo per domande:
Christoph Brunner
portavoce dell'esercito
031 325 18 39
Editore:
Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport
Settore Difesa
Forze terrestri
Base logistica dell'esercito
Stampa la pagina | Chiudi la finestra